Camille Claudel




Allieva e amante del grande
Auguste Rodin

(François-Auguste-René Rodin (Parigi, 12 novembre 1840 – Meudon, 17 novembre 1917) è stato uno scultore francese.)
. Camille, nata a Fère-en-Tardenois l’8 dicembre 1864,voleva diventare scultrice già dall’età di dodici anni,a 18 espose per la prima volta al Salon.
(Il Salon fu un'esposizione periodica di pittura e scultura, che si svolse al Louvre di Parigi, con cadenza biennale fino al 1863 ed annuale in seguito (decreto imperiale del 13 novembre 1863), dal XVII al XIX secolo.)
Subito dopo ci fu l’incontro con Rodin, che aveva ventitre anni in più di lei. Da subito li legò una grande passione e una grande collaborazione dopo anni di un’intensa passione la loro storia tormenta finì e Camille intraprese un percorso personale di autoaffermazione. Nel 1896 Camille cominciò a soffrire di manie di persecuzione nei confronti di Rodin e nel processo di annientamento di se stessa arrivò anche a distruggere le sue opere. Nel 1913 fu fatta rinchiudere in un manicomio vicino a Parigi dalla famiglia. Successivamente trasferita nel manicomio a Montdevergues, morì il 19 ottobre del 1943, in solitudine ed abbandono. Nei trent’anni d’internamento ella non aveva mai più né disegnato e ne modellato. Oggi un ricovero così lungo non sarebbe più concepibile e Camille non sarebbe stata considerata gravemente malata, di quanto in effetti, come avvenne ai suoi tempi.



Camille Claudel, l'âge mûr



Camille Claudel, la valse



Camille Claudel, la petite chatelaine

1 commento:

mia ha detto...

Complimentissimi per il tuo blog...abbiamo una cosa in comune,l'amore e la passione per l'arte.Ciao e grazie per la visita Mia